Il fattore demografico influenza la digitalizzazione

Il fattore demografico influenza la digitalizzazione

Secondo l’Economist i lavoratori dei paesi asiatici rischiano di essere rimpiazzati nella produzione dai più efficienti e infaticabili robot. Secondo uno studio condotto da Marsh & McLennan’s, Mercer e Oliver Wyman, l’impatto della digitalizzazione non avrà gli stessi effetti nei diversi Paesi e nelle diverse regioni del mondo. La causa delle differenze va rintracciata nelle strutture demografiche della popolazione e nel livello medio di qualificazione dell’insieme dei lavoratori impiegati nelle aziende. L’Italia è al settimo posto nella classifica secondo i ricercatori americani, che mettono in evidenza una volta di più quanto nei Paesi manifatturieri sia necessario ripensare complessivamente il sistema della formazione e dell’istruzione in vista della quarta rivoluzione industriale che avanza a grandi passi. Oltre al tema delle competenze la ricerca di Marsh & McLennan’s ha il merito di evidenziare quanto sia determinante il fattore demografico nella questione dell’innovazione e quanto il sistema della formazione vada ripensato nell’ottica di un processo di Long Life Learning che accompagni l’individuo in tutte le fasi della sua carriera e della sua vita.


Ti è piaciuto l'articolo? Fallo sapere ai tuoi amici!

Altri articoli che ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *